Conclusa Esxence 2016

Esxence 2016

Si è conclusa a Milano l’ottava edizione di Esxence - The Scent of Excellence.


Esxence - The Scent of Excellence a Milano accoglie protagonisti del mondo della Profumeria Artistica. Quest'anno l'hanno visitata oltre 7.000 persone - visitatori e professionisti del settore - provenienti da tutto il mondo. Protagonisti dell'evento, 206 marchi internazionali, in rappresentanza delle eccellenze olfattive e cosmetiche, anche grazie alla 2a edizione di Esxkin - The Excellence of Beauty.

“I quattro giorni di Esxence, e ora anche di Esxkin, rappresentano per Milano un appuntamento da segnare nel calendario ufficiale dei Saloni che valorizzano e promuovono le eccellenze più significative dei nuovi mercati, al pari della moda e del design” ha commentato Maurizio Cavezzali, co-fondatore di Esxence e presidente di Equipe International, la società che cura aspetti organizzativi e promozionali dell’evento.

“È riconosciuto il potere attrattivo dell’evento della Profumeria Artistica nei confronti del panorama professionale internazionale e la sua capacità di porsi come nuovo polo espositivo attorno al quale gravitano una serie di iniziative collaterali che animano il capoluogo con proposte sul tema della cultura olfattiva e cosmetica”.

I numeri di Esxence 2016

- 206 marchi espositori (+25% rispetto al 2015), divisi in 84 Main Brand - 102 Spotlights - 20 marchi di cosmetica, presenti alla seconda edizione di Esxkin - The Excellence of Beauty, la nuova realtà dedicata alle eccellenze dello skincare internazionale

- 7.083 visitatori tra operatori e pubblico, provenienti dai 5 Continenti

- gli operatori hanno rappresentato ben il 75% sul totale delle presenze, con un’incidenza del 77% di professionisti provenienti dall’estero

- oltre 6.000 mq di spazio espositivo brand espositori provenienti da 17 Paesi (Italia, Francia, Regno Unito, Spagna, Germania, Stati Uniti, Emirati Arabi, Paesi Bassi, Svizzera, Arabia Saudita, Tailandia, Norvegia, Marocco, Danimarca, Irlanda, Turchia, Qatar), per una presenza straniera di circa il 70% (di cui il 60% francesi)

Ha spiegato Silvio Levi, co-fondatore di Esxence e presidente del Comitato Tecnico: “Si è dato ancor più spazio e opportunità a marchi in crescita e nuove proposte caratterizzate da una crescente presenza di realtà non europee. E l’edizione 2017 si annuncia già ancora più interessante, piena di creatività innovativa e di nuovi protagonisti”.

L’arte e la creatività sono state protagoniste non solo all’interno degli stand, nella loro espressione profumata di piramidi olfattive e flaconi capolavori del design, ma anche dell’allestimento che ha fatto da cornice alla brands list in esposizione: il tema dell’edizione, l’infinito, è stato reinterpretato con installazioni interattive che hanno coinvolto il pubblico. Specchi, luci, animazioni, disposti lungo il percorso espositivo, rappresentavano il fil rouge di Esxence 2016.

Oltre all’area espositiva, laboratori e tavole rotonde rivolti sia ai professionisti che agli appassionati grazie anche alle partnership con alcuni tra i principali protagonisti delle fragranze e della cosmetica. L’azienda di formazione Mouillettes & Co ha offerto un corso gratuito sul tema della vendita per le profumerie e un laboratorio di “educazione olfattiva” rivolto al pubblico, mentre l’Osmothéque - conservatorio di profumi rari e storici di Versailles - ha approfondito il tema delle fragranze più ricercate e particolari nella storia della profumeria.

Per la prima volta a Esxence, la cultura del naso di è aperta ufficialmente ai più piccoli, con il primo workshop rivolto ai bambini delle scuole materne. Forse tra loro si nasconde il prossimo vincitore degli Art and Olfaction Awards, premio alla creatività dei profumieri indipendenti con sede a Los Angeles, che ha annunciato proprio all’Evento della Profumeria Artistica i finalisti dell’edizione 2016.