La fabbrica dei profumi

Campagna Jean Paul Gaultier

Nuova campagna stampa per Jean Paul Gaultier. Il brand apre le porte della factory per raccontare i suoi profumi icona - Classique e Le Male - partendo da una nuova prospettiva. Due fragranze cult che prendono vita tra corsetti, marinai e ingranaggi.

Il 2016 è per Jean Paul Gaultier l’anno dello stravolgimento. È arrivato il momento di ripensare a Classique, fragranza lanciata per la prima volta nel 1993, e a Le Male, del 1995, raccontandole da un nuovo, originale e inedito punto di vista. Ancora una volta lo stilista dà prova della sua inconfondibile attitudine a sorprendere invitando il pubblico in un luogo tenuto per decenni misterioso: la fabbrica di profumi.

Robot, macchine, operai, automatismi futuristici fanno parte della fabbrica Gaultier come anche i marinai, le amazzoni in corsetto, i battelli, gli strumenti musicali e tutto ciò che è necessario per la realizzazione di queste due fragranze che hanno scritto la storia del brand. “Classique e Le Male hanno rivoluzionato il settore della profumeria grazie ai flaconi-busto, al prezioso box in latta e alle avvolgenti fragranze. Il modo migliore di raccontare la loro unicità? Entrare nel backstage del processo di produzione e aprire le porte della JPG fragrance factory” ha dichiarato lo stilista. Da sempre lo stile Gaultier gioca sul fascino degli opposti e la campagna stampa non è da meno.

Ingranaggi che ruotano fondendosi tra loro, ampolle che mescolano profumi, ruote dentate e metalliche si contrappongono ai corpi scultorei dei marinai e alle femme fatale in corsetti rosa. “Ho sempre amato l’idea di creare contrasti utilizzando codici solo apparentemente opposti tra loro: corpo e metallo, industriale e boudoir. La bellezza emerge proprio da queste contrapposizioni” ha sottolineato Jean Paul Gaultier.

A girare la campagna stampa Miles Alridge & Dvein. Miles, che lavora già da anni per il brand, ha dato un tocco glam all’ambiente industriale dello spot, Dvein ha lavorato per mesi alla post produzione delle immagini regalando a questa fabbrica immaginaria una allure realistica.

Le fragranze
Profumi cult del brand Jean Paul Gaultier, Classique e Le Male rompono gli schemi con la profumeria classica a cominciare proprio dal flacone. Due opere d’arte in vetro che riproducono il bustino femminile avvolto in un corpetto sensuale e quello di un uomo dalla spiccata mascolinità dal cui “vestito” si riconosce un marinaio, simbolo di libertà e seduzione. E siccome Jean Paul Gaultier ama provocare e sorprendere, i due profumi sono stati racchiusi in un contenitore di metallo. Racconta lo stilista: “Ho avuto l’idea di utilizzare la lattina mentre mi occupavo dell’alimentazione del mio gatto. Un flacone che riproduca un corpo umano è inaspettato, ma riporlo in un barattolo di latta lo è ancora di più!”. E le note olfattive? Classique è una eau de toilette orientale, fiorita e cipriata costruita da Francis Kurkdjian su un accordo di fior d’arancio, polvere di riso, zenzero e vaniglia; Le Male offre una visione anticonformista, sexy e virile della mascolinità. Orientale-fougere rassicurante ma estremamente moderna, è basata su note di menta piperita, lavanda e vaniglia.