I numeri della cosmetica

Aumento consumiUnipro ha presentato le statistiche del mercato cosmetico 2010 in occasione della conferenza stampa di Cosmoprof Worldwide Bologna 2011.


In attesa di poter presentare i dati definitivi in occasione dell’inaugurazione del Cosmoprof (18 marzo), il Centro Studi e Cultura d’Impresa di Unipro ha elaborato i valori preconsuntivi sul mercato 2010. Emerge la forte ripresa dei fatturati delle imprese che superano gli 8.480 milioni di euro con una crescita del 4,7%. Sicuramente ampio merito di questa performance va alle esportazioni che, dalle prime, prudenziali stime, sono cresciute del 15% con un valore di 2.349 milioni di euro, il più alto di sempre.

Confermando quanto anticipato nella congiunturale di fine dicembre, nonostante numerose tensioni sul potere d’acquisto delle famiglie, anche nel 2010 i consumi di cosmetici hanno registrato un (seppur lieve) incremento dell’1% con un valore prossimo ai 9.200 milioni di euro. A comporre questo risultato contribuiscono fondamentalmente le vendite in farmacia, cresciute del 3,3% per un valore vicino ai 1.480 milioni di euro e le vendite nelle erboristerie, +5,5% con 365 milioni di euro; a conferma di un’attenzione sempre più esplicita alla selettività e al servizio di canale.

Riprendono respiro i cosmetici venduti nelle profumerie, +0,7% per 2.260 milioni di euro trainati dalla significativa crescita della profumeria alcolica, sia uomo che donna, cresciuta di quasi 4 punti percentuali nel 2010 con una spesa di oltre 780 milioni di euro. L’analisi proposta dal Centro Studi e Cultura d’Impresa consente significativi approfondimenti sui prodotti più venduti come le creme antietà e antirughe per il viso, +3% per un consumo di 465 milioni di euro, gli smalti per le unghie, +7,2% per 92 milioni di euro e i prodotti per la cellulite, +4,4% con oltre 106 milioni di euro.